Ostrava tower

CHYBIK + KRISTOF (CHK) svelano il progetto per la costruzione della Torre di Ostrava, un grattacielo multiuso di 235 metri e 98.000 m2 situato nel cuore di Ostrava. Avviato dagli architetti nel 2019, il loro ultimo progetto di sviluppo sostenibile urbano risponde alla necessità di riconsiderare la tipologia del grattacielo in una nuova entità funzionale rispondente alle esigenze sociali contemporanee, e in questo caso la riabilitazione e riattivazione della città post-industriale di Ostrava.

Nel corso degli ultimi tre decenni, Ostrava è passata da città mineraria e metallurgica a un’industria basata sui servizi e sull’informazione e richiede al paesaggio urbano di trasformarsi e adattarsi a questa nuova economia culturale in rapida crescita. Con la sua ricca storia profondamente influenzata dalle infrastrutture tradizionali, la capitale della regione della Moravia-Slesia, al confine con la Polonia, ha una popolazione nell’area metropolitana di quasi un milione di abitanti ed è la terza città più grande della Repubblica Ceca. Il rapido sviluppo degli ex siti industriali in edifici culturali e residenziali, avviato da investitori pubblici e privati, dà un’idea del futuro della città di Ostrava. Tra questi siti spiccano una nuova sala da concerto di Steven Holl Architects, musei, campus universitari, gallerie e progetti residenziali per andare incontro alle esigenze della popolazione.

Ostrava tower vizualizace

Con il progetto per la Torre di Ostrava, CHK risponde al rinnovamento della città e ai suoi bisogni sociali. Il grattacielo di 56 piani sottolinea l’intenzione dello studio a rivalorizzare il centro città e attivare lo spazio pubblico all’interno della torre e dell’ambiente circostante. L’iconica struttura a forma di X e, con questa, la geometria diagonale, unificano l’intero edificio, consentendo ai piani alternati di funzioni accessibili al pubblico e strutture private di agire in armonia. Spostato sul proprio asse, il progetto dell’edificio, composto da un complesso insieme di pareti alternate e facciata in vetro, supporta funzioni polivalenti e consente alle unità residenziali una vista mozzafiato sulla città e sul paesaggio circostante, garantendo al contempo privacy e sostanziale spazio vitale.

Ostrava tower from the road

La forma dell’edificio si espande, offrendo ampie vedute con il giardino a cielo aperto, mentre contemporaneamente il livello zero collega la lobby alla nuova piazza, espandendo e attivando lo spazio pubblico. La nuova piazza è progettata in modo da essere correlata alla misura e allo scopo degli spazi interni. Di proposito, gli architetti hanno progettato i due spazi più ampi (la lobby e lo sky garden) da utilizzare come aree ricreative, invitando il pubblico ad attivare lo spazio pubblico dell’edificio. Dispersi in tutta la Torre di Ostrava, gli spazi pubblici aggiuntivi prevedono uffici, un centro congressi, servizi di vendita al dettaglio e un hotel. Il tetto panoramico con caffetteria, ristorante e bar è aperto al pubblico generico.

Ostrava tower from the top

Fondendo il design con la richiesta di Ostrava di avere nuove infrastrutture sociali, CHK fa rivivere e promuove il senso del grattacielo. L’architetto cofondatore Michal Kristof afferma:

“Ripensando la tipologia del grattacielo e la sua funzione di servizio al pubblico e di attivazione dell’ambiente urbano, una delle nostre missioni principali era quella di avere un impatto sociale positivo nel cuore di Ostrava. L’intenzione dello studio era quella di creare una forma semplice ma potente che fungesse da faro nel centro della città”.

Situata su un vasto pezzo di terra che al tempo era stato ottenuto intervenendo su una grande arteria di traffico e i suoi collegamenti con la città, la torre funge da punto di ingresso e snodo per affari, cultura e tempo libero a Ostrava. Collegato a un terminal degli autobus e situato ai piedi di un ponte, il nuovo progetto amplia la piazza al piano terra, modellandosi per aumentare la quantità di spazio pubblico disponibile sul sito. L’ingresso pedonale è interamente privo di barriere architettoniche, accessibile da tutti i lati e visibile da ogni angolazione, e diventa un importante punto di attrazione, ridefinendo a sua volta il flusso, trasformato da territorio abbandonato a porzione urbana collegata del centro cittadino.

La torre di Ostrava, che dovrebbe essere completata nel 2027, fa eco al patrimonio industriale della città e all’affascinante architettura utilitaristica. Questo progetto di CHK sottolinea l’importanza di ripensare e adattare la tipologia del grattacielo come entità multifunzionale, trasformando il progetto in un hub sociale dinamico, rispondente ai bisogni sociali contemporanei e alla riabilitazione delle economie culturali urbane in via di sviluppo.

CHYBIK + KRISTOF

CHYBIK + KRISTOF è uno studio di architettura e progettazione urbana fondato nel 2010 da Ondrej Chybik e Michal Kristof. Con oltre 50 membri del team internazionale e uffici a Praga, Brno e Bratislava, lo studio mira a creare un ponte tra lo spazio privato e pubblico, trascendendo generazioni e sfere sociali.
Tenendo conto delle storie locali e delle specificità ambientali, lo studio lavora su un’ampia gamma di progetti, che vanno dallo sviluppo urbano agli edifici pubblici e residenziali.
Progetti recenti includono: il Padiglione Ceco all’Expo 2015 (Milano, Italia), Lahofer Winery (Repubblica Ceca), la stazione degli autobus di Zvonarka (CZ), l’arena multiuso a Jihlava (CZ). Lo studio ha ricevuto numerosi premi tra cui il Design Vanguard Award 2019 di Architectural Record ed è stato recentemente tra i vincitori del 40 Under 40 Award 2019 del Centro europeo per l’architettura, l’arte e gli studi urbani.