Soggiorno sede Guido Guidi ricevimenti

Negli ultimi decenni l’esigenza di riqualificare il tessuto architettonico e urbano delle città, mette in primo piano la necessità di confrontarsi con il recupero, riuso e restauro degli edifici che ospitavano determinate funzioni e che oggi risultano in stato di abbandono. Infatti, sono sempre maggiori gli esempi di intervento su edifici sedi di ex officine, aree industriali e porzioni di tessuto urbano da rifunzionalizzare. In contesto urbano, le operazioni di recupero e rifunzionalizzazione (ovvero adattate a nuove destinazioni funzionali), permettono al progettista di confrontarsi con il tema della conversione in stretto dialogo con la storia dei luoghi e degli edificati preesistenti dandogli un nuovo input di ricerca per creare nuovi spazi di grande suggestione.

In tale scenario si colloca il recupero di un’ ex officina meccanica, dismessa da oltre vent’anni, situata all’interno del tessuto ottocentesco a due passi dal centro storico di Firenze.

L’ambiente è stato progettato per ospitare gli uffici direzionali, commerciale e marketing della Guido Guidi Ricevimenti, azienda a conduzione famigliare, che opera nel campo della ristorazione d’eccellenza. Il progetto “Casa Guidi”, nasce dall’idea di creare un luogo elegante ed accogliente dove l’ospite si senta a casa. Esso si sviluppa come una vera e propria casa che trova il suo centro nevralgico nella grande corte che ospita il salotto pensato per accogliere gli ospiti.

Entrata sede Guido Guidi ricevimenti

Il salotto è affiancato dalla grande sala da pranzo con cucina a vista e da un angolo dedicato ai vini, che è stato ricavato in un piccolo spazio più riservato, dove un grande mobile a parete accoglie le etichette più prestigiose, nazionali ed internazionali, selezionate con cura dalla famiglia. All’interno della sala da pranzo la protagonista è una grande credenza, disegnata e realizzata su misura per questo ambiente, da dove è possibile scegliere la mise en place dell’evento. Altri ambienti sono destinati ai quattro uffici, due sale riunioni e tre depositi, oltre ai servizi igienici ospiti e privati.

Uffici sede Guido Guidi ricevimenti

Il progetto redatto in sinergia e confronto con l’amministrazione pubblica ha avuto come obbiettivo il mantenimento degli elementi architettonici espressione di tecniche costruttive e materiali di largo utilizzo in passato. Dell’ex officina meccanica, di circa 350 mq, il progetto ha mantenuto alcuni dei suoi elementi caratteristici come la copertura a shed, tipica dei capannoni industriali che consente una notevole illuminazione diurna e che è costituita da quattro campate con finestrature a nastro. Essa è stata mantenuta nella forma ma completamente sostituita in tutti i suoi elementi a causa delle condizioni nel quale versava, infatti parte di essa era deruta e le vetrate quasi del tutto mancanti.

Soffitto sede Guido Guidi ricevimenti Vetrata sede Guido Guidi ricevimenti

Altri elementi oggetti di conservazione sono stati il soffitto a voltine in mattoni faccia vista che è stato restaurato, la pavimentazione in blocchi di pietra serena che è stata riutilizzata ma all’esterno, sotto la loggia d’ingresso e la grande vetrata centinata nella sala da pranzo che è stata mantenuta concettualmente ma sostituita con una di nuova realizzazione a causa delle condizioni di conservazione.

Sala pranzo sede Guido Guidi ricevimenti Tavolo sede Guido Guidi ricevimenti

La quasi totalità delle pareti di nuova realizzazione, per dividere i diversi ambienti, è costituita da grandi vetrate in ferro color grigio antracite e vetro, i quali dettagli tecnologici rimandano ad uno stile prettamente industriale ma tecnologicamente avanzati per dare il giusto benessere acustico, isolamento e privacy che gli ambienti di lavoro e sale riunioni devono soddisfare.

Lo stile industriale si unisce ad un classicismo moderno per dar vita a contrasti stilistici che armonizzano lo spazio, creando un connubio tra gli elementi dell’architettura storica che caratterizzano l’immobile e gli elementi che concettualmente rappresentano i cardini stilistici sul quale si fonda e si rappresenta la Guido Guidi Ricevimenti.

Cucina sede Guido Guidi ricevimenti

 

Credit Progettazione, Direzione Lavori e Direzione Artistica: Arch. Sara Bua, Arch. Riccardo Ceccarelli, Arch. Dario Cintolesi, Arch. Ginevra Gambineri

Credit fotografici: Fotografo Massimiliano Orazi, Fotografo Lorenzo Patoia e Diego Laurino